La mia prima volta in piscina con un figo da paura

la mia prima volta in acqua

Ciao ragazzi! Per svagarmi un po ho deciso di iniziare a praticare sport e la piscina mi è sembrato il più adeguato a me perché ho letto che con il nuoto ogni parte del corpo è in continuo allenamento.

Ho un bel culo tosto ma, credo che si possa sempre migliorare quindi mi sono inscritta senza pensarci molto, non ho valutato, infatti, che in piscina quasi tutti i ragazzi portano dei costumi molto attillati e che si vedono, a colpo d’occhio, anche le dimensioni del loro cazzo. Per evitare di dover tenere sempre lo sguardo basso a causa dei cazzi che mi giravano intorno ho deciso di andare in piscina nell’orario serale.

Quando sono arrivata era infatti quasi in chiusura ed ormai pressoché deserta. Indossavo un costume intero di colore nero e molto sgambato, così da esaltare al meglio il mio fisico. Già dai primi minuti in acqua avevo notato l’arrivo di un ragazzo particolarmente bello. Non avevo potuto far a meno di notare anche che era ben dotato, visto lo slip aderente bianco che indossava.

Non riuscivo a smettere di fissarlo tanto che penso se ne sia reso conto anche lui. Dopo essersi tuffato in acqua infatti me lo ritrovata vicina in pochi istanti. Le chiacchiere di conoscenza iniziali per me sono state superflue, non ricordo nemmeno bene cosa ci siamo detti io non riuscivo a togliere lo sguardo dalla sua bozza carnosa e sensuale.

Ero immersa nei miei pensieri e stavo immaginando dentro di me un nostro bacio, fino a quando non è stato lui stesso a svegliarmi dal mio sogno ad occhi aperti e renderlo realtà. Mi ha baciata con dolcezza, le sue mani intanto sfioravano il mio corpo ed io sentivo dei brividi percorrermi la schiena.

A poco a poco abbiamo raggiunto uno degli angoli della piscina e da li il passo dalle carezze alla masturbazione reciproca è stato breve. La sensazione del tatto in acqua è ancora più eccitante. Le sue mai hanno raggiunto prima i miei capezzoli, che sono diventati duri poco dopo, per poi spostarsi sul mio fondo schiena. Io dal canto mio gli toccavo dapprima il viso, poi il petto ed infine il suo uccello.

L’ho eccitato toccandogli le palle e sfregando il mio corpo contro il suo a ritmo di musica. Non ha mai smesso di baciarmi per tutto il tempo in cui gli ho tastato il cazzo. Ad un certo punto ho notato che si è guardato un attimo intorno, velocemente, io invece non ho distolto lo sguardo dai suoi profondi occhi verdi.

Poco dopo ho capito che si stava abbassando il costume, probabilmente prima si era prima accertato che non ci fossero sguardi indiscreti intorno a noi. Io avevo il costume intero quindi il mio lo abbiamo semplicemente spostato a lato della mia fica, così da lasciare il passaggio libero al suo cazzo.

Ha infilato il suo uccello dentro di me in un solo colpo. Lo metteva dentro e tirava fuori sbattendomi contro la parete della piscina, dove tutti i movimenti erano semplici e naturali con l’aiuto dell’acqua. Ho chiuso gli occhi e mi sono avvinghiata forte a lui con le gambe, le braccia invece gliele stingevo intorno al collo.

Lui ansimava di piacere ed io con lui, non so perché ma anche l’odore del cloro aumentava la mia eccitazione, mi sentivo come se intorno a noi non ci fosse nessuno. Ad un certo punto mi ha dato un colpo forte, secco ed io ho aperto gli occhi come se mi stessi risvegliando da un sogno ed ho intuito che aveva appena raggiunto l’orgasmo dalla sua espressione.

Teneva le labbra leggermente aperte ed i suoi gemiti di piacere di affievolivano a poco a poco, così come la potenza dei colpi del suo cazzo nella mia fica, ancora calda e accogliente. Tutta la sua sborra è finita dentro di me, ad esclusione di qualche goccia è finito in acqua. Ci siamo fissati negli occhi per diversi minuti, credo che dovevamo ancora bene renderci conto di quello che era appena accaduto. L’attrazione che ci aveva legati fin da subito è stata talmente forte che nessuno dei due è riuscito a resistere, nonostante la strana location.

Si è a poco a poco ricomposto e mi ha aiutata ad uscire dal bordo della piscina, mi sono accorta solo a quel punto che c’erano ancora delle persone in acqua ma, che probabilmente non si erano rese conto di nulla perché ognuna stava continuando il proprio allenamento fortunatamente.

Se anche tu hai avuto delle esperienze eccitanti come la mia o se ti va di fantasticare su come sarebbe il sesso con me, chiama la mia hot line al numero 899.11.11.16 …ho mille perversioni delle quali ti vorrei svelare ogni particolare ed il divertimento è assicurato!

Ti potrebbe anche interessare:

Ginevra, sesso e puttane a volontà

bella figa bionda che si toccaForse tanti di voi già lo sanno che la Svizzera così come la Germania sono tra i pochi paesi in Europa in cui i bordelli sono legalizzati. Città come Lugano e Ginevra sono considerate le capitali del sesso e della prostituzione, ed è proprio  per questo motivo che vengono frequentate così assiduamente da voi maschietti.

Sarà forse un caso che una porca come me si chiami Ginevra, proprio come la città del piacere libero per antonomasia?

Ma sapete cosa si fa in questi bar e night club così famosi?

Nei locali del sesso, le cosidette FKK o case del piacere sessuale è possibile trovare troie e puttane di altissimo livello. Alcuni club erotici prevedono il pagamento di una quota di ingresso, che include bevande, accesso ad idromassaggio, sauna, bagno turco e la consumazione; in altri invece il sesso con le ragazze si paga a parte.

Un servizietto con queste puttane di solito dura circa mezz’ora, e si possono richiedere prestazioni di qualunque genere, sesso orale, anale o tradizionale. Insomma la gnocca è sempre garantita ed è possibile divertirsi con più troie durante l’arco della giornata, a patto che si paghi!

Alcuni di questi bordelli sono suddivisi in più stanze, in cui le ragazze si esibiscono in spettacoli hard molto spinti, mentre altri sono dotati di un menù completo di informazioni da cui è possibile scegliere la ragazza con cui scopare. Insomma sono un vero e proprio paradiso … Anche se, naturalmente per i servizi più particolari come i pompini con l’ingoio le tariffe sono più elevate.

Quando in Italia c’è una maiala come me non vale la pena andare a troie a Ginevra! Chiama la mia linea erotica a basso costo, non te ne pentirai!

 

Ti potrebbe anche interessare: